Warning: A non-numeric value encountered in /home/startdig/public_html/conservazionepec.it/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5763
Select Page

Novità in vista per i proprietari di impianti a biomasse e bioliquidi. Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato on line le Istruzioni Operative per l’opzione riguardante il calcolo della tariffa incentivante ex Certificati Verdi.  L’opzione va comunicata al GSE solo ed esclusivamente tramite PEC.

Il Gestore dei Servizi Energetici  (GSE) ha pubblicato sul proprio sito le Istruzioni Operative per i titolari di impianti a biomasse e bioliquidi che volessero usufruire della possibilità di modificare il regime di calcolo della tariffa incentivante ex Certificati Verdi.

Il termine per comunicare questa opzione è il 9 agosto. Il mezzo scelto dal GSE è la POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (info@pec.gse.it).

Il diritto all’opzione è disciplinato dall’articolo 32, comma 1, del DM 23 giugno 2016 e riguarda in particolare tutti i titolari di impianti soggetti, dal 1° gennaio 2016, all’incentivo di cui all’art. 19, comma 1, del decreto 6 luglio 2012 (impianti a fonti rinnovabili, non fotovoltaici, entrati in esercizio entro il 31 dicembre 2012), inclusi gli impianti di cui all’art. 30, comma 3, del medesimo decreto (gli ex zuccherifici).

E’ bene sapere che tutte le richieste eventualmente già trasmesse prima della data di pubblicazione delle Istruzioni Operative o inviate in data successiva alla scadenza del 9 agosto p.v. o inviate utilizzando un modello non conforme a quello qui allegato non saranno considerate valide.

Il GSE è l’ultimo ente pubblico che in ordine di tempo ha scelto il canale della PEC come unico metodo di comunicazione per l’invio di richieste o documenti.
All’interno del nostro blog troverai gli altri Enti Pubblici che hanno deciso di veicolare le proprie comunicazioni in entrata ed in uscita tramite PEC: tra queste la Regione Lazio, Equitalia e le Camere di Commercio.

Se la PEC diverrà sempre più  il tuo mezzo di comunicazione verso la Pubblica Amministrazione non credi che il suo utilizzo deve essere sempre più consapevole?

Controlli il tuo account e conservi digitalmente i contenuti all’interno? Gli Art. del CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale) e 2220 del Codice Civile sono molto chiari e stabiliscono che i messaggi di PEC, in qualità di documenti informatici facenti parte della corrispondenza aziendale, devono essere conservati a norma per almeno dieci anni.

Sei sicuro di utilizzare il tuo account PEC a norma di legge?

Se hai bisogno di informazioni sul corretto utilizzo del tuo account PEC, CONTATTACI.